Pubblicata il 2018-06-20

#eXploring Youth eParticipation, un resoconto da Tallin

 
Tre giorni di seminario a Tallin per confrontarsi sulla partecipazione digitale giovanile, le esperienze passate e le sue opportunità nell'ambito europeo. BiPart, come relatore, ha illustrato l'esperienza del bilancio partecipativo nelle scuole.

Si è chiuso oggi a Tallin il seminario organizzato da SALTO-YOUTH, una rete formata da sei centri di ricerca che lavora su aree europee ritenute prioritarie nell'ambito della gioventù. La tre giorni di full-immersion sulla eParticipation si è rivolta e ha visto la partecipazione ad operatori giovanili, ai decisori politici, agli sviluppatori e ai promotori di processi di eParticipation interessati ad esplorare la partecipazione digitale in ambito giovanile e ad acquisire competenze e conoscenze per la creazione di processi di partecipazione digitale rivolti ai giovani. In questi tre giorni i partecipanti si sono confrontati con il mondo dell'eParticipation giovanile, discutendo riguardo al cos'è, com'è possibile migliorarla e partendo da quali opportunità e le modalità e la qualità della partecipazione giovanile discutendo riguardo al contesto circostante, come l'evoluzione digitale ha cambiato e può ancora cambiare l'interazione e la partecipazione. Stefano Stortone, il CEO di BiPart, ha condotto un workshop il cui tema era l'attivazione e il coinvolgimento degli individui nei processi partecipativi, portando come contributo l'esperienza positiva del bilancio partecipativo nelle scuole e su come un approccio ibrido tra digitale e metodi tradizionali possa sviluppare partecipazione, relazioni fra giovani cittadini e amministrazioni pubbliche, conoscenza e consapevolezza. Inoltre è stata presentata la piattaforma BiPart, illustrando i suoi strumenti per la realizzazione e la facilitazione di processi partecipativi, la peculiarità del sistema di autenticazione univoco e l'integrazione di processi offline.