Pubblicata il 2018-06-05

Un anno di bilancio partecipativo nelle scuole!

 
Un anno di bilancio partecipativo nelle scuole: più che raddoppiati i processi partecipativi negli istituti scolastici, da Milano a Bergamo, dalla Lombardia alle Marche, con il contributo di BiPart e Action Aid

Un anno fa all'IIS Cremona si chiudeva il primo bilancio partecipativo in un istituto scolastico superiore. Nato in collaborazione fra il Centro Studi per la Democrazia Partecipativa e Action Aid Italia, aveva visto la partecipazione di tutti i 1300 studenti dell'istituto e la realizzazione, a fine del percorso, della ristrutturazione dei cortili della scuola per un budget complessivo di 10.000€. In un anno, questo progetto innovativo per il contesto scolastico, si è diffuso sia in Lombardia sia in altre regioni. L'IIS Cremona ha proseguito questa esperienza realizzando con BiPart un percorso di alternanza scuola-lavoro che ha visto gli studenti di una classe terza dell'ITE Zappa costituire una propria impresa sociale (simulata) che si occuperà di coordinare il secondo bilancio partecipativo dell'istituto. L'IIS Capriotti di San Benedetto del Tronto invece, in collaborazione con Action Aid Italia e BiPart e il contributo della Consulta provinciale degli studenti di Ascoli Piceno ha voluto sperimentare per la prima volta il bilancio partecipativo: il percorso scelto è stato simile alla metodologia precedentemente usata per l'IIS Cremona. Questo processo ha coinvolto gli oltre 1300 studenti dell'istituto oltre che i docenti e l'amministrazione scolastica e si è concluso il 4 maggio, vedendo come vincitore, con circa 400 voti, il progetto che proponeva un ammodernamento dei servizi igienici dell'istituto, per un budget complessivo di 1.500€. Infine, l' Istituto Tecnico Commerciale e Turistico Statale Vittorio Emanuele II ha realizzato il bilancio partecipativo seguendo la metodologia ormai nota dell'IIS Cremona, variando alcune fasi: tra le novità principali c'è stata la partecipazione al processo da parte dei genitori del processo e il budget messo a disposizione, ben 15.000€ (da cui vanno escluse le spese di implementazione del processo, gestito completamente in autonomia da parte della scuola).